SHINJEEG2


  
[Himika]

himika 00

La Regina del Regno Jamatai, ha come unico scopo la conquista della Terra a discapito degli umani, e il suo primo obiettivo è la Dotaku, la campana di bronzo in mano a Senjiro Shiba, che le permetterà di raggiungere i suoi malvagi scopi.
Dopo una lunga battaglia con le forze terrestri, attorno all'anno 1975, la regina e il suo regno vengono sigillati e intrappolati nella zona del Kyushu dal potere della Dotaku stessa, apparsa sulla fronte di Jeeg, quando il robot sembrava ormai sopraffatto dalle forze del male. La campana proietta un raggio energetico che si fionda nella bocca del vulcano Aso facendo emergere la mitica spada Kusanagi che, in un mare di tempeste energetiche, isola la zona in una stasi spazio-temporale per cinquant'anni.
Dopo questo lungo sonno la regina si risveglia assieme ai suoi ministri e non intende rinunciare ai suoi propositi di conquista, inviando i terribili Haniwa Genjin che ora si scontrano con la nuova versione di Jeeg pilotata da Kenji.

himika01 himika02
himika03 himika04
himika05 himika06
himika07 himika08
himika09 himika10
himika11 himika12
himika13 himika14
himika15 himika16
himika17 himika18
himika19 himika20
himika21 himika22
himika23 himika24
himika25 himika26
himika27 himika28
himika29 himika30
himika31 himika32
himika33 himika34
himika35 himika36
himika37 himika38
himika39 himika40
himika41

Spoiler

Nello svolgersi delle vicende si scopre che Himika è una creatura aliena, una guerriera spaziale creata come avanguardia di distruzione per un conflitto spaziale. Nel corso di una guerra interstellare, che durava da decine di migliaia di anni Himika, Takeru-Kyo; Miyazu e altri prodi guerrieri, erano a bordo di una nave spaziale chiamata Langun, alla deriva nel cosmo. La Langun ando' fuori controllo e attraversarono una distorsione dimensionale che li portò sulla Terra. Una volta giunti sul pianeta gli occupanti della nave furono costretti a compiere una scelta: vivere con gli esseri umani o dominarli? Dopo aver vissuto un po' sulla terra, Takeru e Miyazu capirono di non poter trascinare in guerra quel pianeta che amavano ma Himika aveva altre intenzioni, rivendicando la loro natura di guerrieri scelti come avanguardia di distruzione! Miyazu cercò di convincere Himika a vivere tutti insieme ma senza risultato: i due fratelli allora, assieme a Baruba, imprigionarono Himika ma poichè la regina e i suoi tirapiedi furuno creati dalla Langun, non potranno morire definitivamente finche' la Langun esiste. Per prepararsi al ritorno di Himika, Takeru e Miyazu presero le due Campane di Bronzo, le unita' di controllo della Langun, e si addormentarono per tempo immemore, per essere risvegliati nel Giappone moderno, in concomitanza con la riapparsa di Himika. I due fratelli collaborarono col Professor Shiba e assieme fondarono la Build Base, affidando la Campana di Bronzo al figlio del Professore, Hiroshi Shiba.
Himika è una spietata guerriera, convinta che la vera evoluzione consiste nell'uccidersi a vicenda per soddisfare la propria ambizione. Dopo aver prelevato l'energia delle due dotaku, affronterà Kenji e Tsubaki nello scontro finale, scoprendo che il sentimento dell'amore è una fonte di potere più grande di quello da lei avidamente accumulato attraverso odio e rancore. I due ragazzi sigilleranno nuovamente la malefica regina e il suo regno, impedendole di nuocere per sempre al genere umano.




INDICE DEI ROBOT SEZIONE DI KOTETSU SHIN JEEG HOME

Commenti, integrazioni, critiche e correzioni a daigo@encirobot.com

[鋼鉄神ジーグ] Kotetsushin Jeeg (Kotetsu Shin Jeeg) - Actas Inc., Build Base
Le immagini presenti nel sito sono di proprieta' degli aventi diritto e sono state qui raccolte a puro scopo divulgativo.
Tutti i marchi appartengono ai legittimi proprietari.
La grafica del sito appartiene a Encirobot.com. Ne e' vietata la copiatura anche parziale di elementi, codici, sfondi, idee, o tutto cio' che ne caratterizza la sua originarieta'.
2000 - 2021 www.encirobot.com - Tutti i diritti riservati.
LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI TESTI E/O DELLE IMMAGINI E' VIETATA SALVO ESPRESSO CONSENSO DELL'AUTORE